Overblog
Segui questo blog
Administration Create my blog

Presentazione

  • : IL SAPERE CONDIVISO
  • IL SAPERE CONDIVISO
  • : La conoscenza è fondamentale nella nostra vita, tanto quanto il sapere. Con questo blog e più precisamente, con i miei articoli vorrei darvi la possibilità di aumentare le vostre conoscenze per poterle condividere con chiunque voi vogliate.
  • Contatti

LA POSTA DI NALY

Buongiorno a tutti voi!

 

Con il tempo mi sono accorta di essere un'ottima ascoltatrice e che molte persone si rivolgono a me, anche in fb, per ricevere consigli, allora ho pensato di creare uno spazio nel mio blog dove potrete richiedermi consigli sugli animali, sull'amore, sull'amicizia, insomma, sull'argomento che vi sta più a cuore.

 

Mi piacerebbe redigere una rubrica, una sorta di posta, ma voi siete liberi di scrivermi anche in anonimato alla casella mail: nalyvik@gmail.com

 

Ovviamente il tutto è gratuito perchè aiutare gli altri fa parte della mia persona, quindi non esitate e per favore vi prego di specificare se volete che il vostro messaggio diventi un post nel mio blog oppure no, la scelta è vostra.

 

Aspetto le vostre domande, pronta a rispondervi in modo celere.

 

Baci.

 

Naly

Cerca

Archivi

Vodafone Curling

Pagine

Alice in zombieland

on the road

VOTATE

CLASSIFICA

www.ilsaperecondiviso.it

14 gennaio 2015 3 14 /01 /gennaio /2015 11:03
posate
posate

Quando abbiamo ospiti in casa a pranzo o a cena solitamente desideriamo che tutto sia impeccabile.

Ci sono moltissimi post su come decorare la tavola, come abbellirla, dove e come posizionare le posate, ma ancora non ne ho visto nessuno su come lucidare le posate senza fatica prima di metterle in tavola.

Chi ha la lavastoviglie è sicuramente facilitato, ma le posate non sono mai intonse qualche segno opaco o gocciolina d'acqua rimasta non ci permettono di rendere tutto perfetto.

Vi svelo qual è il metodo che utilizzano anche nei migliori ristoranti per lucidare le vostre posate. Il dispendio economico è quasi nullo, in quanto serve soltanto della carta assorbente e un pochino di aceto bianco, ma il risultato è perfetto.

Con questo metodo, oltre ad avere posate impeccabili in tavola, le disinfettate anche.

METODO:

- prendete un foglio di carta assorbente per ogni posata da lucidare

- versate in una piccola ciotola dell'aceto di vino bianco

- immergete una parte del foglio di carta assorbente nell'aceto bianco

- prendete la posata asciutta da lucidare e passate la carta assorbente imbevuta in tutti i suoi punti

- asciugate velocemente la posata con la parte asciuta del foglio di carta assorbente

Il gioco è fatto! Posate brillanti, lucide, igienizzate e senza macchie.

Provare per credere.

Baci.

Naly

17 novembre 2014 1 17 /11 /novembre /2014 11:31

acqua-fango.jpg

Le piogge degli ultimi giorni sono state la “ciliegina sulla torta” su una città come Milano, che dovrebbe ospitare l’EXPO 2015, per quanto riguarda le esondazioni di fiumi coperti dal cemento per le costruzioni.

 

E’ stato semplice negli anni chiudere tutti i corsi d’acqua della bella Milano navigabile. Costruiti palazzi su palazzi, cementificate quasi tutte le zone, lasciando un piccolo rivolo di Naviglio è stata l’idea che ha permesso alla città di farsi un nome, ma ai cittadini di subire danni non indifferenti.

 

Fino alla costruzione della metro lilla, il fiume Seveso esondava matematicamente in zona Zara, che diveniva un fiume di fango in piena.

 

auto

 


 

Dopo la costruzione di questa nuova linea metropolitana, il Centro di Milano è perennemente perfettamente asciutto, mentre la zona Isola e Niguarda sono soggette a frequentissime esondazioni, con conseguenti difficoltà sulla viabilità (quando va bene) e sul quotidiano degli sfortunati abitanti di queste zone “poco importanti” per la visibilità nazionale e internazionale.

 

fango.jpg

 

Il “vecchio” quartiere dei Giornalisti, divenuto Maggiolina, oltre ad essere privo di negozi, si allaga e il fango pervade i piano terra, i box e le strade che diventano impraticabili anche a nuoto a causa del fango e dei detriti e sono gli stessi abitanti che devono spalare fango e acqua senza alcun sostegno delle forze preposte.

 

L’ultima esondazione del 15 novembre 2015 è stata un vero disastro per questa povera città. Esondati l’Adda, il Seveso, il Lambro, senza preallerta, ci siamo ritrovati in un mare di fango e acqua.

 

Macchine spazzate via dall’acqua, allagamenti per tutta la zona da Viale Zara a Niguarda, metro allagate, per prima la lilla, poi la gialla e anche la verde.

 

Il quartiere è rimasto senza energia elettrica per 18 ore, il 118 è rimasto muto per tutta la notte tra sabato e domenica, e ad oggi il fango è ancora sparso dove gli aiuti non sono arrivati. Ripristinata ieri in tarda serata la circolazione in Viale Fulvio Testi e Piazza Carbonari.

 

Questa mattina chiuse le stazioni metropolitane M2 da CENTRALE a GARIBALDI per tutta la giornata del 17 novembre 2014 perché la falda acquifera non ha consentito la riapertura.

 

Ora alle 11.00 anche le fermate di FAMAGOSTA e ASSAGO sono inagibili come la metro lilla e alcune della gialla.

 

Ha ricominciato a piovere ed ora vedremo come affronteranno i nostri eroi del Comune e della Provincia questa nuova situazione.

 

In zona Bicocca i tram non passano più e nemmeno i bus, ciò è sintomatico di una nuova situazione di emergenza.

 

Non ci resta che incrociare le dita e sperare che smetta di piovere anche se le previsioni sono chiaramente avverse. Qualunque aggiornamento è bene accetto.


Un abbraccio a tutti gli abitanti di Milano.


Baci.


Naly

8 ottobre 2014 3 08 /10 /ottobre /2014 15:08

PROCESSIONARIA.jpg

La processionaria è pericolosa per tutti gli animali e per l’uomo, ma in questo post vorrei soffermarmi sui cani: gli animali domestici che possono facilmente incontrare questo pericolo mentre passeggiano con i loro padroni.

La processionaria può essere letale per il cane e creare fastidi importanti per i loro padroni.

Cos’è la processionaria?

La processionaria è un lepidottero della famiglia dei taumatopeidi, detto in parole semplici si tratta di un bruco che diventerà una falena. Esistono differenti specie di parassitaria, le più note in Italia sono la parassitaria del pino e della quercia.

PROCESSIONE-PROCESSIONARIA.jpg

Questo insetto prende il nome dal suo comportamento, infatti i bruchi camminano in processione, quasi l’uno attaccato all’altro nel periodo autunnale quando si schiudono le uova di mamma falena.

La processionaria è pericolosa per il pelo da cui è ricoperta che è urticante e velenoso e il contatto può portare il cane e l’uomo a una necrosi.

Quali sono i rischi del contatto di un cane con una o più processionarie?

Il cane è sicuramente più esposto al pericolo in quanto cammina e annusa tutto ciò che gli capita a tiro, quindi potrebbe trovarsi faccia a faccia con una processionaria i cui peli urticanti potrebbero entrare nel suo tartufo, nella bocca e quindi nell’esofago e sulla lingua.

CANE-CHE-ANNUSA.jpg

 

Nonostante l’iper attenzione del padrone può accadere che ciò accada.

Ora vediamo come accorgersi del contatto.

La prima reazione del pelo della processionaria nel cane è l’infiammazione della bocca con successivo ingrossamento della lingua che potrebbe soffocarlo. I sintomi sono evidenti perché il cane inizierà a “sbavare”, avrà un netto aumento della salivazione a causa dell’infiammazione e dell’indolenzimento di bocca e lingua.

LINGUA-CANE.jpg

Altri sintomi possono essere: dissenteria, apatia, mancanza d’appetito, vomito e febbre alta.

Cosa fare se il nostro cane ha annusato troppo da vicino una processionaria?

Dato che la causa dell’infiammazione sono i peli della processionaria, la cosa più immediata da fare è cercare di eliminarli dalla bocca con abbondanti lavaggi con acqua fredda corrente oppure con una siringa senza ago. L’unica vera soluzione però è quella di portare il nostro animale nel pronto soccorso veterinario più vicino.

 

Se anche il padrone ha avuto contatti con la processionaria potrebbe accusare prurito, mal di gola, eruzioni cutanee, difficoltà respiratorie, dolori addominali ed anche in questo caso il pronto soccorso è la soluzione più rapida ed efficacie.

27 settembre 2014 6 27 /09 /settembre /2014 10:29

 

attesa-iphone.jpg

Ormai l’uscita di un nuovo iPhone è un evento internazionale e tutti i fanatici di Apple conoscono bene la lunga attesa che bisogna fare per averlo il primo giorno di uscita davanti agli Apple Store. Sembrerà paradossale, ma anche in Italia l’uscita del nuovo iPhone 6 ha seguito le orme di tutti i suoi predecessori riservando però qualche sorpresa ai clienti.

Lunghe ore di attesa da Roma a Rimini, da Bergamo a Torino e Milano, tanto per citarne alcune, l’attesa è divenuta un momento magico, una reunion per conoscere nuova gente, fare amicizia e aggiudicarsi tra i primo l’oggetto del desiderio: il nuovo melafonino.

Nonostante la crisi che imperversa gli ordini sono stati di un numero incredibile e ieri 26 settembre 2014, i negozi Apple hanno aperto i battenti alle 8.00 del mattino tra gli applausi dei clienti.

Poco dopo la delusione!

alluminio iphone

Il tanto agognato iPhone 6 ha presentato da subito dei bug: il software iOS 8 e la fattura in alluminio.

A poche ore dall’uscita, Apple ha ritirato l’aggiornamento di iOS8, recando diversi problemi.

Primo fra tutti la tastiera iCloud, il trasferimento di chiamata e il blocco della visione di video su Safari. A questo punto sono intervenuti con un aggiornamento dell’ultimo minuto per rimediare iOS 8.0.1, ma le cose non sono andate meglio infatti dopo il download alcuni utenti non sono riusciti a connettersi alla rete, quindi niente telefonate, né connessioni a internet.

La delusione più grande si è avuta sul Touch ID, quel dispositivo che permette all’ iPhone di utilizzare l’impronta digitale per effettuare pagamenti e sbloccare lo smarthphone senza inserire password.

La casa madre si è pubblicamente scusata con i propri utenti promettendo un nuovo aggiornamento e mettendo sul sito ufficiale Apple il procedimento per installare la prima versione di iOS 8.

Oltre al software, si è riscontrato un problema non indifferente riguardante l’apparecchio, realizzato in alluminio come i suoi predecessori, ma senza tenere conto che l’aumento delle dimensioni dell’iPhone 6, disponibile anche nella versione Plus, con l’uso di un po’ di forza può piegarsi e rompersi e il tutto non è coperto da nessuna garanzia.

Insomma, non è oro tutto quel che luccica e anche casa Apple ha avuto i suoi problemi, ma nonostante tutto chi possiede l’iPhone 6 è ora al settimo cielo.

 

Baci.

Naly

Published by Naly - in Tecnologia
scrivi un commento
16 settembre 2014 2 16 /09 /settembre /2014 15:29

 

 

La psicoterapia è una sfera molto importante per tutte le persone, ma in Italia vi è una totale mancanza di informazione, anzi se mi permettete, direi che esiste “disinformazione” su questo tema delicato.

 

psichiatra

 

Le figure di medici come psichiatri, psicologi e psico comportamentalisti sono ancora uno “spauracchio” per la società.

 

psicologo


Non siamo più in quella brutta epoca in cui esistevano i manicomi, in cui i pazienti venivano “curati” attraverso l’elettroshock, emarginati perché etichettati come “pazzi” o “matti” e quindi pericolosi. Eppure, nel 2014, in Italia vige ancora il pregiudizio secondo cui chi va dallo psichiatra, dallo psicologo, dallo psico comportamentalista o assume “addirittura” psicofarmaci, è da tenere alla larga.


Perché accade tutto ciò? Perché persone che non stanno bene con se stesse o hanno dei disagi dovrebbero vergognarsi o temere di curarsi per paura del giudizio implacabile dell’ottusa società?


Tutto questo si manifesta semplicemente per mancanza di informazione, quanti di voi conoscono la differenza tra psichiatra, psicologo e psico comportamentalista? Vi chiedete perché non la conoscete? La risposta è molto semplice, nessuno si preoccupa di informarsi sulle patologie che riguardano la sfera psichica, che si possono curare come tutte le altre patologie, anche con i farmaci, se occorre.

 

psicofarmaci

 

 

I più non conoscono nemmeno il nome delle più note patologie della mente, che possono colpire ognuno di noi, in qualunque momento della propria vita. Vi faccio un breve escursus sulle malattie più comuni del nostro cervello. SDA ( Sindrome Da Attacchi di panico), BIPOLARISMO ( disturbo della personalità ), SCHIZZOFRENIA ( impulsi fuori controllo ), DISTURBO OSSESSIVO-COMPULSIVO ( manie di fare sistematicamente determinate cose ).

 

Tutte le malattie sopra menzionate sono curabili, molte guaribili, grazie alla psicoterapia composta dall’interazione tra psichiatra e psicologo o psico comportamentalista, che negli ultimi anni hanno fatto passi da gigante.

 

 

Tengo a sottolineare che la sola assunzione di farmaci non fa guarire dalla patologia, bisogna associare una terapia psicologica ed è vivamente sconsigliato il fai-da-te che è dannoso.

 


Tornando al tema socio-culturale, moltissimi hanno paura di analizzarsi e, con la scusa di “non voler raccontare i fatti propri a un estraneo”, non si curano. L’”estraneo” in questione è un dottore, con l’obbligo di mantenere il segreto professionale, e non gli importa nulla di ciò che raccontate, a lui occorre solo per capire la modalità di pensiero del paziente e aiutarlo a correggere quelli errati, dandogli gli strumenti necessari per ragionare in modo sano su se stesso per guarire.

 


Questo post è stato redatto per fornire un minimo di informazione su una questione di fondamentale importanza ( stare bene con sé stessi equivale a stare bene con gli altri ed avere una società sana ) che viene demonizzata e nascosta senza che ve ne sia motivo alcuno.

12 settembre 2014 5 12 /09 /settembre /2014 19:28

iphone6.jpg

 

Finalmente, dopo tanta attesa, il 9 settembre 2014 è stato presentato negli Stati Uniti il nuovo iPhone 6 di casa Apple. In Italia l’uscita è prevista per il 26 settembre, come sempre saranno disponibili solo su prenotazione quindi si può prevedere l’arrivo del nuovo melafonino per i primi giorni del mese di Ottobre.

.

Questa volta sono ben 6 gli iPhone 6 tra cui tutti gli appassionati potranno scegliere: iPhone 6 da 4,7” da 16 GB, da 64 GB e da 128 GB oppure iPhone Plus da 5,5” da 16GB, da 64 GB e da 128 GB.

 

Caratteristiche:

-       - Schermo 4,7” oppure 5,5”

-      -  Processore più veloce e più piccolo

-      -  Nuova fotocamera sul fronte e sul retro

-      -  Sistema operativo iOS8


Prezzi:

- iPhone 6 da 4,7”: €. 729 per il modello da 16 GB, €. 839 per il modello da 64GB e

                                    €. 949 per il modello da 128GB.

- iPhone 6 Plus da 5,5”: €. 839 per il modello da 16GB, €. 949 per il modello da

                                            64GB e €. 1059 per il modello da 128GB.


Considerazioni:


La prima cosa che salta immediatamente all’occhio è proprio la diagonale dello schermo che arriva a 5” circa esula i dictacts del grandissimo Steve Jobs che ha sempre puntato sulle dimensioni compatte dello smartphone di Apple. La casa madre ha invece deciso di assecondare le nuove esigenze del mercato ingrandendo l’oggetto dei desideri di molti.


La seconda considerazione da effettuare sul nuovo melafonino è sulla nuova risoluzione che, al contrario di tutti gli altri smartphone di ultima generazione non è Full HD, ma solo poco più che HD.


Concludendo si può affermare che il nuovo iPhone 6 non riserverà grandi sorprese, a differenza di tutti i suoi predecessori.

Published by Naly - in Tecnologia
scrivi un commento
11 settembre 2014 4 11 /09 /settembre /2014 10:27

smalto-antistupro.jpg

 

Dall'America arriva, qualche giorno fa', la notizia della commercializzazione di uno smalto per le unghie NUOVO: lo smalto antistupro.

 

Leggendo vari articoli in porposito e documentandomi, ho pensato che è sempre dagli Stati Uniti che parte il Business.

 

Lo smalto antistupro è poco utile, se non inutile e inoffensivo, ma come funziona questo nuovo make up?

 

Si tratta di uno smalto che sembra uguale a tutti gli altri che si trovano sul mercato, di un bel rosa acceso. Bisogna stenderlo sulle unghie prima di uscire e, una volta asciutto, assolve il suo compito.

 

cocktail.jpg

 

Se andate in un locale e qualcuno vi offre un cocktail, oppure lasciate il bicchiere incustodito per assentarvi, dovrete inserire un dito nella bevanda e con lo smalto antistupro potrete scoprire se qualcuno ha messo della droga nel vostro drink osservando semplicemente il colore del vostro smalto. Se c'è droga, infatti, il colore dello smalto cambia, divenendo di un colore tendente al viola, fino a raggiungere il colore nero nel caso in cui il quantitativo di droga rilevato sia ingente. Una sorta di "cartina di Tornasole".

 

Ora vorrei parlare dell'utilità e dell'igiene di questo "prezioso" oggetto femminile, perché per far si che lo smalto antistupro possa sortire qualche beneficio dovete:

- recarvi in un locale

- farvi offrire un drink

- lasciare il bicchiere incustodito

- inserire un dito sporco nella bevanda

- attendere che lo smalto cambi colore

e una volta che vi accorgete che vi hanno drogato il cocktail, scappare a gambe levate.

 

Voi che ne pensate?

 

A me ricorda tanto i giochini che avevo da bambina. Per scoprire il sesso del bambolotto di turno, bisognava lasciarlo in freezer qualche minuto per vedere se il pannolino si colorava di azzurro o di rosa. Mi sembra di aver esposto in modo chiaro il mio pensiero, ditemi il vostro.

 

Baci.

 

Naly

Published by Naly - in Lifestyle
scrivi un commento
9 aprile 2014 3 09 /04 /aprile /2014 10:30

 

Buongiorno a tutti, 

questa mattina mentre scorrevo velocemente le notizie sui social networks mi sono imbattuta in questo video che era stato condiviso da molti amici virtuali e, chi mi conosce sà che la mia curiosità è illimitata, quindi mi sono messa a guardarlo e, nonostante avessi ben capito l'argomento trattato, l'ho guardato tutto! Il primo commento che ho dovuto leggere sotto questo video è stato: "allora chissà cosa vendono nei discount".

Se avete speso il vostro tempo a guardare il video in questione, mi piacerebbe sentire la vostra opinione. A me è spuntato un ironico e malinconico sorriso, perché nel 2014 ognuno di noi dovrebbe esser consapevole che acquistare nei supermercati e nei discount, che per me si equivalgono, è come fare un terno al lotto per quanto riguarda l'origine dei prodotti e lo scandalo non è che i prodotti arrivino dall'estero e non dall'Italia, ma che il consumatore ancora si stupisca di questo. 

Per conoscere realmente la qualità della materia prima dovremmo avere un orto, un amico contadino, un uliveto...insomma "toccare con mano" perché purtroppo anche in Italia ci sono materie tossiche ( basti pensare alla famigerata "terra dei fuochi" che da 30 anni produce colture altamente contaminate e cancerogene, diffuse come pure e sane perché italiane ).

I regolamenti Europei, quindi la legge, prevedono che i prodotti siano tracciabili dalle materie prime ai prodotti finiti, nessuno garantisce il Made in Italy, con la scusa che costa troppo e nemmeno l'etica e la morale.

Ora non voglio fare un discorso tecnico, ma mi sembra ovvio che solo i costi dei trasporti diverrebbero quasi nulli se si producesse al nord Italia per il nord, al centro per il centro e al sud per il Sud : zero costi di trasporto, materie prime fresche e ottime  e tanti vantaggi per le persone e i lavoratori, ma non avete ancora capito che i vantaggi li devono avere le multinazionali?

Purtroppo questa è la realtà! Se avete le possibilità economiche per farlo vi consiglio di fare la spesa rivolgendovi direttamente al produttore più vicino e vi accorgerete subito del sapore e dell'odore dei prodotti freschi e buoni davvero.

 

Baci.

Naly

17 febbraio 2014 1 17 /02 /febbraio /2014 11:35

gattini.jpg

 

Ebbene sì, oggi 17 febbraio è la festa del gatto!

 

 

I felini sono animali affascinanti, hanno un'eleganza tutta loro: basta vederli camminare per capire che animali sono.

Fieri, indipendenti, affettuosi, addomesticabili e avvezzi alle coccole.

 


I gatti sono i felini domestici e la stragrande maggioranza degli italiani ne possiede almeno uno.


Fortunatamente il business del gatto di razza è andato scemando con gli anni e ora i gatti vengono adottati dai gattili oppure raccolti in strada quando purtroppo vengono abbandonati da persone insensibili che non sono in grado di gestirli.


Il gatto è un animale "poco impegnativo" rispetto a tutti gli altri animali domestici, in quanto necessita soltanto di una cassettina in cui fare i bisogni, cibo e un luogo dove dormire, oltre che molte coccole.


Ogni gatto ha il suo carattere, proprio come noi e i maschi sono generalmente più affettuosi delle femmine.

 

Ovviamente adottare un gatto prevede comunque un impegno in quanto ha una vita lunga (se ben curato può arrivare ai 20 anni), è molto territoriale, quindi non dovrebbe essere allontanato dalla casa in cui vive (se fate le vacanze dovrete trovare qualcuno che si occupi di loro preferibilmente nella vostra casa o in alternativa potrete portarlo con voi, vi sconsiglio le pensioni perché soffrirebbe molto a stare in una gabbia senza i suoi padroni).


Anche i gatti, al contrario di ciò che si possa pensare, sono coccoloni e garantiscono tanto amore a noi umani e la pet terapy è garantita!


Se avete un gatto oggi amatelo e coccolatelo più degli altri giorni visto che è la sua festa.

 

 

Baci.

 

Naly

14 febbraio 2014 5 14 /02 /febbraio /2014 12:02

C'era una volta un libro importantissimo, redatto da personaggi storici per il bene di un intero Paese chiamato Italia, che narrava che” l'Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro” e poi parlava di un “Popolo Sovrano”. Oggi questo testo dal titolo Costituzione della Repubblica Italiana sembra divenuto un testo narrativo che non viene minimamente preso in considerazione.

 

Dov'è finita la Repubblica? Dov'è la Democrazia? E il Popolo Sovrano?

 

Ora esiste un Presidente della Repubblica che decide chi può presiedere al Governo senza interpellare coloro che dovrebbero essere i “sovrani”.

gianni Letta

 

Prima Letta come Presidente del Consiglio, oggi alle 13.00 darà le sue dimissioni e salirà

 

 

renzi

 

Renzi a governare questo Paese cambiando nuovamente i Ministri che erano da poco entrati nella Camera,

 

napolitano.jpg

 

il tutto senza voto dei “sovrani”, basta il “Sì” dell'uomo del Colle.

 

 

In tutto questo si vorrebbe per lo meno il bene degli Italiani, ma ormai i cittadini contano poco e niente e tutto si decide a porte chiuse, come ha fatto la Boldrini con il decreto per finanziare le Banche e noi subiamo senza emetter suoni.

Published by Naly - in Politica
scrivi un commento